mercoledì 15 marzo 2017

...



Di primo mattino un bicchiere sul tavolo
mi propone la sua lezione magistrale

e capisco,
ma subito mi scaccio cercandomi.

giovedì 23 febbraio 2017

L'interprete

Dice: bon giorno, regà. Come chi? L'ucelletto. E certo che o capisco, o capisco sì! A chi o dice? A tutti voi. No, a me no, io so l'interprete. E sì, a noi che 'nterpretamo, a noi che traducemo, ce succede così. Pe dì: si voi adesso dite bon giorno all’ucelletti e io je lo traduco, fi fiù fiù fi fi fiùffìfì, beh, a me nun me resta niente. E o so, o so che è triste, ma pe noi interpreti è così. E sinnò, sinnò... nun dovemo interpretà. Si nun interpretamo, allora er cinguettìo dell'ucelletti o a voce vostra ce scarda er core a noi, e qui resta... ma se qui resta pe voi l'ucelletto fischia e basta, e pe l'ucelletti voi vociate e basta, nun c'è più er bon giorno, ce stanno li sòni, er cinguettìo pe voi, er vocià vostro pe l'ucelletti... e si noi la smettemo proprio sempre de 'nterpretà e de traduce, sai che succede? fi fi fiù fiù fi fi fiùffi fi fiù fiù fi fi fi fiù...