venerdì 5 settembre 2014

La pesanteria

"La pedanteria proviene dall'aver poca fiducia nel nostro intelletto intuitivo, e dal non poterlo lasciar libero di trovare immediatamente la via giusta in ogni singolo caso; quindi lo si colloca in tutto e per tutto sotto la tutela della ragione, e ci si vuol servire sempre di questa: ossia muover sempre da concetti universali, regole, massime, ed attenervisi esattamente nella vita, nell'arte, perfino nella buona condotta morale. Di qui l'attaccamento caratteristico della pedanteria alla forma, alla maniera, all'espressione, alla parola.  Il pedante con le sue massime generali si trova sempre al disotto nella vita, e si mostra inetto, insulso, inservibile; nell'arte, per la quale il concetto è sterile, produce aborti esanimi, rigidi, artificiosi. Quando, soprattutto in cose politiche, si parla di dottrinari, teorici, eruditi, s'intendono sempre pedanti: ossia persone che conoscono bensì le cose in abstracto, ma non in concreto. L'astrazione consiste nel cancellar dal pensiero le circostanze particolari: mentre sono appunto queste, che hanno grande importanza nella pratica." 

(Schopenhauer, Il mondo)

Nessun commento:

Posta un commento