domenica 13 luglio 2014

Schopenhauer animalista e vegetariano



“Nel mondo esiste un unico essere menzognero: l'uomo. Ogni altro essere è genuino e sincero, perché si fa vedere schiettamente quale è, manifestandosi così come si sente. Un'espressione emblematica, o allegorica, di questa differenza fondamentale è il fatto che tutti gli animali vanno attorno nel loro aspetto naturale, e ciò contribuisce assai all'impressione piacevole della loro vista che ogni volta, specie se si tratta di animali liberi, mi riempie il cuore di gioia - mentre l'essere umano, a causa del suo abbigliamento, è diventato una caricatura, fatto sottolineato dal colore bianco e per lui innaturale della pelle e dalle disgustose conseguenze del suo nutrimento a base di carne, che è contro natura, nonché delle bevande alcoliche, del tabacco, degli stravizi e delle malattie."

(Schopenhauer, Parerga e Paralipomena, Adelphi, p 787))
-----------------------------
E' la prima volta che leggo parole di Schopenhauer da cui emerge espressamente la sua avversione per l'alimentazione a base di carne. 


2 commenti:

  1. Certo, peccato che ci sono mille altri passi che testimoniano come Schopenhauer non fosse vegetariano/vegano né nella teoria né nella pratica (sebbene fosse quello sì, incontestabilmente animalista)...
    Francesco Casartelli

    RispondiElimina
  2. Certo, peccato che ci sono mille altri passi che testimoniano come Schopenhauer non fosse vegetariano/vegano né nella teoria né nella pratica (sebbene fosse quello sì, incontestabilmente animalista)...
    Francesco Casartelli

    RispondiElimina